British Chiropractic Institute


Studio di Chiropratica fondato a Genova nel 1979 dal dott. Gary Pike.

Attenti alla postura: consigli di base

Una buona postura è di fondamentale importanza nella prevenzione dei problemi alla schiena e i ritmi frenetici della vita moderna, spesso, fanno passare inosservate le prime avvisaglie! Nessuno può dirsi immune dal mal di schiena, ecco dunque qualche utile consiglio dall’Associazione Britannica Chiropratici.

La postura ideale è quella che tenendo un filo immaginario all'altezza dell'orecchio, questo cadrà linearmente toccando spalla, anca, ginocchio e caviglia.

Cercare, sempre, di tenere una posizione eretta e rilassata con gli addominali leggermente contratti.

Una volta trovata la posizione corretta, anche da seduti, la linea di gravità passerà linearmente dall’orecchio, alla spalla fino all’anca.

 

Mens sana in corpore sano

Attenzione a borse e valige, regalo, qualità, servizio, pesi, seguire comportamenti sani

Un esercizio fisico eccessivo, se si è fuori allenamento, può creare problemi.

È consigliabile praticare uno sport tranquillo e a basso rischio almeno una volta alla settimana e prepararsi, sempre, sia fisicamente che psicologicamente.

 

Abbasso la sedentarietà

Il peggior nemico della schiena è una scarsa attività fisica. L’esercizio costante e regolare è fondamentale!

Più si è in forma, infatti, minore è il rischio di infortuni.

Un po' di stretching o una semplice scrollata di spalle aiutano a tenere la schiena in linea.
Non rimanere seduti troppo a lungo.

 

Al volante

Durante i percorsi in macchina, nel traffico, per andare al lavoro, a scuola o a fare la spesa l’ultimo dei pensieri è il benessere della schiena. Per chi non lo sapesse, la pressione che grava sulla colonna è doppia quando si è seduti!

Cercare, dunque, di assumere una posizione rilassata per ridurre la tensione.
Quando ci si mette al volante, controllare che la schiena aderisca bene allo schienale per avere un maggior sostegno.

 

Composti davanti alla tv

Quando si è di fronte alla tv è facile ritrovarsi in posizioni un po’ troppo rilassate e, quindi, scorrette. Il corpo, però, ha bisogno di sostegno. Un'ottima regola è, quindi, quella di stare seduti composti con la colonna e le gambe ben appoggiate.

 

Attenti ai pesi, qualità, servizio, pesi, schiena, ernia

Attenti ai pesi

Controllare, sempre, di distribuire i pesi in modo omogeneo.

Di preferenza, utilizzare borse che distribuiscono il carico su ambedue le spalle e lo zaino è sempre la soluzione ideale!

 

Le scarpe

Una postura corretta è aiutata anche da un buon paio di scarpe! Le calzature con suola morbida danno sostegno e consentono una buona presa.

 

Davanti al PC
Se si trascorrono giornate intere davanti al monitor di un computer, cercare una posizione comoda e tenere la schiena ben appoggiata allo schienale della seduta. Non dimenticare di cambiare posizione di tanto in tanto.
Ogni 40 minuti circa ricordarsi di fare una piccola pausa. E se si può, utilizzare una seduta con braccioli.

 

Prima di dormire
Prima di addormentarsi, cercare la posizione corretta per svegliarsi senza troppi “dolorini” o tensioni alla schiena. Evitare, per esempio, di dormire proni col collo “storto” e preferire il riposo su un fianco.

Al risveglio, prima di scendere dal letto, è buona norma stiracchiarsi sempre un po’ (un ottimo esercizio è quello di piegare e avvicinare le gambe al petto!)

 

Attenzione a borse, borsoni, valigie e valigette

Consigli pratici su come evitare le insidie delle borse grandi! (Associazione Britannica Chiropratici)

Le borse grandi sono un must della moda di stagione, ma l’Associazione Britannica Chiropratici mette in guardia contro i possibili rischi alla postura e gli eventuali problemi alla colonna che possono derivare dal loro utilizzo.

Le borse grandi arrivano a pesare fino a 5 Kg da vuote e aumentano, notevolmente, di peso una volta riempite!

Una borsa grande è molto ingombrante e poco maneggevole, può provocare tensioni a collo e spalle e, alla lunga, può avere effetti negativi sulla postura.

Consigli base: alleggerite le vostre borse

Più leggera è la vostra borsa meglio è, soprattutto se la portate con voi tutto il giorno.

Controllate quotidianamente il contenuto della vostra borsa e portatevi dietro solo lo stretto indispensabile – è sorprendente constatare quante persone portano con sé oggetti superflui e pesanti.

Non esiste un peso massimo o corretto per una borsa! Dipende dalle dimensioni, dalla forza del singolo individuo e dal tipo di borsa. È vero, però, che le borse che consentono una distribuzione più uniforme del peso lungo la colonna causano meno tensioni! Uno zaino è sempre la soluzione migliore!

La borsa ideale per il vostro PC è uno zaino. Portatelo su ambedue le spalle e regolate le cinghie in modo che poggi bene sulla schiena.

Se utilizzate una borsa a tracolla accertatevi che abbia una cinghia lunga perché possa aderire bene al vostro corpo. Indossate la borsa a tracolla e ricordatevi di tenere le spalle rilassate.

Evitate di portare una borsa con manici lunghi nell'incavo del vostro braccio o di tenerla in basso vicino alle ginocchia. In questo modo, infatti, il peso non sarebbe uniformemente distribuito.

Se state utilizzando un piccolo trolley ricordatevi di spingerlo, anziché tirarlo, per caricare meno la colonna. Assicuratevi che il manico sia sufficientemente lungo per non dover camminare curvi.

Quando portate la spesa ricordate sempre di avere due borse, una per mano, per meglio distribuire il peso.

Apri la vetrina

Davanti al PC

Consigli pratici sulla postura perfetta davanti al PC (Associazione Britannica Chiropratici)

Sempre più persone trascorrono gran parte del proprio tempo con il PC nei luoghi più svariati: a casa, a scuola, all’università, al lavoro o in giro.

Stando seduti e concentrati davanti ad un monitor per lungo tempo, spesso, non ci si rende conto di assumere posizioni potenzialmente dannose per la colonna.

Per evitare ciò, per mantenere una corretta “postura da PC” e per salvaguardare la salute della nostra schiena l’Associazione Britannica Chiropratici offre alcuni utili consigli da tenere a mente mentre si lavora, si chatta, si blogga, durante la navigazione in internet o mentre si mandano mail.

Regole di base: assicurarsi sempre di regolare la propria seduta, soprattutto se si condivide il PC con altre persone.

La seduta deve essere regolata in modo tale che le piante dei piedi siano poggiate a terra e che le ginocchia siano piegate. La posizione finale prevede che le anche siano più in alto rispetto alle ginocchia e che gli occhi siano all’altezza della parte alta del monitor. Per portare lo schermo alla posizione corretta è possibile rialzarlo mediante un sostegno o una semplice risma di carta.

Adottare sempre una posizione rilassata; verificare che il fondoschiena sia ben appoggiato contro la parte finale della seduta e che le scapole aderiscano bene allo schienale.

Le braccia vanno tenute rilassate e i gomiti devono trovarsi all’altezza del tavolo o della scrivania che si stanno utilizzando. Dotarsi di una sedia con braccioli.
Fare intervalli regolari. Non rimanere seduti davanti al PC per più di 40 minuti; se possibile aumentare il numero degli intervalli.

Durante la pausa sgranchirsi un po’ le gambe ed eseguire qualche esercizio di stretching. Fare comunque qualcosa di diverso per staccare.

Rimuovere qualsiasi oggetto ingombrante da sotto la propria scrivania affinché le gambe siano libere di muoversi.

In giro per casa o in viaggio col portatile: la facilità di trasporto del portatile fa sì che sia comodo e flessibile nell'utilizzo, ma induce altresì ad un uso un po’ azzardato che può causare problemi alla postura.

Se la concentrazione è particolarmente elevata, talvolta, non ci si rende conto di assumere posizioni dannose e potenzialmente dolorose per la schiena.

Quando si è in giro col portatile eliminare ogni oggetto superfluo dalla borsa che lo contiene. Tutti gli oggetti inutili che si accumulano nelle nostre borse, infatti, ne aumentano il peso che, conseguentemente, grava su spalle e schiena.
Utilizzare uno zaino porta PC; portarlo su ambedue le spalle e regolare le cinghie in modo tale da farlo poggiare completamente sulla schiena.
Sul treno se ci si  trova a dover utilizzare un portatile ricordarsi di non rimanere seduti per troppo tempo nella stessa posizione: si deve evitare, infatti, di guardare in basso verso il monitor con la testa priva di qualsiasi appoggio.

Apri la vetrina

Il giardinaggio

Non esagerare con vanghe, badili e rastrelli. Alcuni utili consigli dall’Associazione Britannica Chiropratici   

Abbigliamento: non indossare abiti stretti o che possono limitare i movimenti.

Riscaldamento: come qualsiasi attività fisica, anche il giardinaggio richiede un minimo di riscaldamento. Evitare di buttarsi a capofitto nei lavori più pesanti; iniziare, sempre, con lavoretti più leggeri per ridurre la possibilità di strappi muscolari.  

Come usare una scala: quando si sale o si scende, assicurarsi che il viso, assieme a spalle, anche e ginocchia siano rivolti nella stessa direzione verso la scala o la scaletta.

Evitare di sporgersi o allungarsi, meglio scendere e avvicinare la scala dove necessario.

Scale o scalette devono essere appoggiate al suolo in modo saldo e sicuro e se possibile, è meglio avere qualcuno a disposizione per controllare l’operazione in corso.

Potare con intelligenza: posizionarsi il più vicino possibile alla pianta che si sta potando ed evitare di allungarsi o sporgersi troppo. Munirsi di cesoie dal manico lungo per raggiungere le piante e gli arbusti più lontani.

Fare una pausa: fare pause regolari e non dedicarsi allo stesso lavoro per più di 20 - 30 minuti. Variare le attività.

Apri la vetrina

On the road

Consigli pratici su come stare al volante (Associazione Britannica Chiropratici)

Secondo una ricerca di mercato, condotta dall’Associazione Britannica Chiropratici, il 25% degli intervistati ha indicato la guida come uno dei fattori più compromettenti per la postura.

Se avete una macchina in condivisione con qualcun altro, regolate sempre il sedile prima di partire!

Inclinare leggermente lo schienale all’indietro per assumere una posizione più naturale e controllare che i gomiti siano rilassati.

Il volante: dopo aver regolato il sedile, le vostre mani, con un leggero piegamento delle braccia, dovrebbero raggiungere il volante in modo agevole e naturale.

Se il volante è troppo in alto e distante rispetto al corpo si accumulerà tensione in corrispondenza delle spalle e della parte alta della schiena; diversamente, se è regolato troppo in basso e vicino al corpo, questo potrebbe andare a toccare le gambe, riducendone, così, la capacità di movimento, e sollecitando i polsi e i muscoli della parte alta della colonna.

Norme di sicurezza: dopo aver regolato sedile e volante, verificare che la distanza di sicurezza tra voi e l’airbag del volante, prevista dalla legge (25,5 cm), sia rispettata.

Specchietti: prima di mettervi in viaggio, regolate sempre gli specchietti, è importante che siate in grado di reagire velocemente agli imprevisti senza dovere muovere troppo la testa.

La posizione corretta degli specchietti dovrebbe, infatti, consentire una visuale della macchina a 360° con il semplice movimento degli occhi e, solo, un leggero movimento della testa.

Cinture: la cintura deve fasciare obliquamente il corpo senza “sfregare” sul collo o ricadere sulla parte alta del braccio.

Le cinture vanno regolate a seconda dell’altezza di ciascun individuo.

È, inoltre, possibile acquistare delle clips ferma cinture per meglio regolarne l’altezza senza compromettere la sicurezza durante la guida.

Ad ogni macchina, la sua scarpa

Dopo aver regolato il sedile, i piedi dovrebbero comodamente raggiungere i pedali.

La posizione corretta dovrebbe consentire, infatti, di pigiare i pedali fino in fondo con il semplice movimento della caviglia senza dovere muovere, eccessivamente, la gamba.

Evitare di indossare tacchi alti o scarpe con suole troppo spesse per non dovere sforzare la caviglia nell’atto di schiacciare il pedale.

Questo tipo di calzature, infatti, oltre a rendere più complicata un’improvvisa frenata d’emergenza, farà perdere alla coscia il suo sostegno, facendola sollevare dal sedile, e causerà tensione (e possibili crampi) al polpaccio, il tutto, in casi di lunghi viaggi, pregiudicando una corretta circolazione sanguigna.

Relax: una posizione di guida rilassata riduce eventuali tensioni alla colonna e consente di distribuire il peso, in modo omogeneo, sulla seduta.

Pause regolari: l’Associazione Britannica Chiropratici consiglia di fermarsi almeno ogni due ore per stiracchiarsi e sgranchire gambe e braccia! Aumentare il numero delle fermate se si avverte qualsiasi tipo di fastidio.

Glutei sodi: se rimanete bloccati nel traffico, approfittatene per tenervi allenati e in forma con alcuni esercizi di facile esecuzione come contrazioni dei glutei, piegamenti laterali, alzate di spalle o semplici circonduzioni e per finire si può fare un po’ di stretching spingendo braccia e schiena rispettivamente contro il volante e lo schienale del sedile (tendere e rilassare per un po’ di volte!).

No agli abiti stretti: limitano i movimenti!

Pianificare: mettersi sempre in viaggio con un po’ di anticipo, calcolando anche eventuali imprevisti, per arrivare puntuali e, quindi, senza stress alla meta.

 

Apri la vetrina

Con i pesi

Il nostro corpo è in grado di svolgere le attività più svariate, ma senza esagerare.

Sollevare: in primis, guardare nella direzione verso cui si sta portando il peso ed assumere una postura eretta e rilassata.

Tenere le gambe leggermente divaricate, i piedi in corrispondenza dei fianchi, le ginocchia leggermente flesse, la testa e le spalle in linea con la vita. Portare il peso il più possibile vicino al corpo, evitando torsioni del busto.

Piegare, leggermente, le ginocchia per non danneggiare la colonna e non sollevare mai pesi mentre si sta facendo una torsione.

Nel sollevare un peso, ricordare di tenere i piedi divaricati in linea con le spalle, o leggermente più aperti, per dare maggiore stabilità al corpo.

Non sollevare pesi con le braccia tese e tenere i gomiti sempre, leggermente, piegati verso il corpo  per ridurre la tensione sulla colonna.

Assicurarsi di stare in equilibrio e fissare, per bene, il peso prima di mettersi in azione (è, infatti, più facile trasportare una palla da bowling in una borsa apposita che non in una scatola di cartone in cui può rotolare e spostarsi).

Posare un peso a terra può causare tanti traumi quanto sollevarlo. Quando lo si sta facendo, controllare di avere spalle, anche e ginocchia rivolte nella stessa direzione, piedi e spalle con la stessa apertura e le ginocchia un po’ flesse.

Caricare o scaricare: caricare dei pesi su una macchina o un furgone è quasi sempre una manovra difficile ed è, quindi, importante utilizzare la strategia migliore per ovviare ai problemi che potrebbero derivarne.

Se siete stati alla guida per un po’ di tempo, scendete e fate una breve passeggiata per sciogliere i muscoli e le articolazioni. Una volta che il peso è stato sollevato, appoggiatelo sul paraurti del veicolo per poi spingerlo all’interno, sempre mantenendo schiena dritta e ginocchia flesse. Iniziate a caricare i pesi più leggeri spingendoli verso il fondo per facilitare e rendere meno faticose le successive operazioni di  scarico, una volta arrivati a destinazione.

Ciò che può rendere queste manovre faticose non è tanto il peso del carico, quanto la  dimensione e la forma. A tal proposito, se possibile, cercare di dividere il carico in parti più piccole e, quindi, più maneggevoli.

Mai sollevare un peso e subito dopo fare una torsione col busto e non cedere alla tentazione di tenere le gambe tese. Queste precauzioni sono da tenere in considerazione tanto nelle fasi di carico quanto in quelle di scarico.

Non cercare di sollevare più di una o due borse contemporaneamente, soprattutto se, in passato, avete avuto problemi alla colonna.

Alcuni cric possono essere molto duri, quindi, appoggiate a terra un ginocchio (utilizzando un giornale, una carta stradale o qualcosa di morbido) con il viso rivolto verso la vettura. 

Tenete la schiena ben dritta, guardate avanti e tenete le spalle sopra la leva del cric.

Ricordate di usare entrambe le mani per fare forza sulla leva. Se ve lo foste dimenticati, state sollevando una macchina! E se, poi, doveste sentirvi stanchi, concedetevi una pausa di tanto in tanto.

Per non gravare sulla zona lombare evitare di piegarsi in avanti senza flettere leggermente le ginocchia. Assumere la stessa posizione nel caso dobbiate svitare i bulloni di un pneumatico e ricordate, braccia sempre leggermente piegate. Per avvitare dei bulloni, girate il volto dalla parte opposta per sfruttare il peso corporeo e rendere l’operazione più facile e sicura.

In questo tipo di operazioni non lavorate mai contro la forza di gravità, altrimenti mettereste un carico di tensione eccessivo sulla colonna e sulle spalle e se la chiave avvita bulloni dovesse perdere la presa potreste anche cadere.

Potrebbe risultare utile mettere una prolunga alla chiave per aumentarne la potenza di leva e quindi alleggerire il lavoro.

Attenzione col bebè: quando dovete caricare il vostro piccolino in macchina, tenetelo ben vicino a voi mentre vi avvicinate al veicolo.

Tenete la schiena dritta e piegate leggermente le ginocchia quando siete prossimi alla vettura: solo in questo preciso momento potete allungare le braccia per metterlo sul seggiolino.

E se avete anche un passeggino, appoggiatelo al sedile e sistematelo per bene solo quando sarete nell’abitacolo della vettura, sempre ricordandovi di tenere la schiena ben dritta e le ginocchia flesse.

Apri la vetrina
BRITISH CHIROPRACTIC INSTITUTE | 14/6, Viale Brig. Bisagno - 16129 Genova (GE) - Italia | P.I. 01111910103 | Tel. +39 010 562589 | Fax. +39 010 562589 | drgarypike@aol.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy